Venerdì, 21 Settembre 2018
ARRESTO CONDELLO

Micu ’u pacciu e la
mania dei “pizzini”

condello, Reggio, Calabria, Archivio
Domenico Condello

È un’operazione da manuale quella messa a segno alle ore 21.38 di mercoledì, nel quartiere Catona, periferia nord di Reggio Calabria. Nessuno errore, nè sbavature
nell’azione. L’autovettura che trasportava il super latitante, una “Stilo”, è stata bloccata senza concedere alcun margine di fuga. Domenico Condello si è arreso senza battere ciglio, ammettendo di essere «proprio l’uomo che state cercando». Con lui è stato arrestato il giovane che l’accompagnava, Roberto Megale, 28 anni, che risponderà di «procurata inosservanza della pena». Il covo è stato rivoltato come un calzino, regalando scoperte «di sicuro interesse investigativo». A partire dalla montagna di appunti,
“pizzini”, documenti, manoscritti in libertà. Uno degli 007 che ha partecipato al blitz ha commentato: «Annotava di tutto: era una sua abitudine, e forse il modo privilegiato di relazionarsi con l’esterno».

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X