Mercoledì, 26 Settembre 2018
REGGIO

Il giudice Giusti
racconta i rapporti
con Lampada

giusti, Reggio, Calabria, Archivio

Il giudice Giancarlo Giusti, l’ex gip di Palmi e magistrato del Tribunale “Misure di prevenzione” di Reggio condannato per i suoi rapporti con la ’ndrangheta, ha testimoniato ieri in Tribunale a Milano nel processo a mafia e politica sull’asse Reggio-Milano. Il giudice Giusti ha ripercorso il legame e il rapporto di conoscenza con Giulio Lampada, l’imprenditore reggino che ha fatto fortuna all’ombra della Madunnina nel settore dei videogiochi. «Per me era una persona perbene e un imprenditore di successo. Mai fatti
favori in cambio di contropartite di alcun genere» ha spiegato rispondendo alle domande del pm milanese Storari.

L’esame del giudice Giusti scorre fino agli incontri a “luci rosse”, le cene con escort per la notte assicurate da Giulio Lampada: «È stato un errore che ammetto. La mia vita attraversava una fase molto difficile: il matrimonio, problemi di salute. Quelle cene per me erano una fuga dalla realtà, delle evasioni».

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X