Sabato, 22 Settembre 2018
PENTITO

La 'Ndrangheta "dettò"
le accuse contro Cisterna

'drangheta, cisterna, Reggio, Calabria, Archivio

Sarebbero state pilotate dalle cosche della 'ndrangheta di Reggio Calabria le accuse mosse da Nino Lo Giudice al magistrato Alberto Cisterna, ex procuratore aggiunto della Dna. Roberto Galullo, giornalista del Sole 24 Ore sul suo blog "Guardie e ladri", propone passi sia della lettera che un collaboratore di giustizia, Massimo Napoletano, di origini pugliesi, vicino di cella di Lo Giudice, che ha raccolto sue confidenze in proposito, ha inviato allo stesso Cisterna nel gennaio 2012, ma mai giunta a destinazione, e sia del verbale di interrogatorio cui lo stesso pentito è stato sottoposto il 2 dicembre del 2011. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X