Mercoledì, 26 Settembre 2018
PROCESSO META

Tra i “pizzini” di
Pasquale Condello
parole in codice

condello, Reggio, Calabria, Archivio

I “pizzini” e le tappe più significative delle indagini dei segugi del Ros, che si sono concretizzate nella cattura di Pasquale Condello, sono stati posti all’esame del collaboratore di giustizia Nino Lo Giudice nel processo “Meta”. Il pm Lombardo gli ha recapitato un dossier di 417 immagini, di cui appena 80 sono state analizzate nel corso della prima udienza. Il resto del lavoro di decifrazione dei messaggi di Pasquale Condello continuerà nell’udienza del 4 gennaio 2013, fissata dal presidente del Tribunale, Silvana Grasso, in anticipo rispetto alla tradizionale pausa delle festività di fine anno. Non mancano gli spunti di interesse tra gli appunti ritrovati nel covo di via Torrente Filici II a Pellaro. Hanno destato particolare attenzione due scritti: “Cavallo Bianco”e“Prometto Mi Impongo e Giuro”. Due frasi in codice, la seconda una chiara formula di giuramento, sulle quali Nino Lo Giudice non ha saputo fornire alcuna spiegazione al Tribunale: «Mai sentito parlare, non saprei a cosa alludesse, anche se la formula di giuramento l’avevo già letta sui giornali».

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X