Lunedì, 24 Settembre 2018
CASIGNANA

La discarica inquina
ma per ora non chiude

discarica casignana, Reggio, Calabria, Archivio
Un rivolo di percolato

Continuano a permanere presso la discarica di Casignana le preoccupanti criticità già evidenziate lo scorso 11 dicembre dai tecnici dell’Arpacal nella relazione trasmessa al sindaco di Casignana e all’Ufficio del Commissario delegato per il superamento della criticità ambientale della Calabria nonché alla Procura della Repubblica di Locri, competente per territorio.
Il sindaco Crinò è stato così pesantemente smentito dalla responsabile Arpacal, dottoressa Angela Bruna Cardile, che da un lato ha ribadito  che mai l’Arpacal ha affermato  che la discarica non avesse criticità, dall’ altro ha sottolineato che la sua riapertura è avvenuta senza il parere favorevole dell’Arpacal.  È stato  il commissario delegato per il superamento dell’Emergenza ambientale, questore Vincenzo Speranza – ha sostanzialmente affermato la dirigente dell’Arpacal – che si è assunto la responsabilità di riaprirla e non perché l’Arpacal ne avesse certificato la piena idoneità.
Questo sostanzialmente quanto emerso ieri a seguito dell’ennesimo sopralluogo  effettuato nel sito della discarica, sulla collinetta di contrada Petrosi, effettuato dalla responsabile dell’Arpacal di Reggio Calabria, dottoressa Cardile, ancora una volta dietro “denunzia” del comitato “No discarica a Casignana” che ha segnalato il  continuo inquinamento di percolato nel sottostante vallone Rambotta.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X