Sabato, 22 Settembre 2018
SISTEMA-ASSENZIO 2

I sigilli alle aziende in odor di mafia

arresto croc�, Reggio, Calabria, Archivio

Nei supermercati gestiti dalla società capeggiata da Giuseppe Crocè lavoravano, prevalentemente, le aziende della ’ndrangheta. Dalle uova ai latticini, dal pane alla carne, i rifornitori erano riconducibili alla cosca Tegano, innanzitutto, ma anche ai Lo Giudice, Labate, Rosmini, Crucitti. Di questo sono certi gli investigatori che ieri hanno messo a segno la seconda tranche dell’inchiesta “Sistema-Assenzio 2”, autentico colpo al cuore a quella “zona grigia” che opera in sinergia con la ’ndrangheta.
In un comunicato a firma di Guardia di finanza, carabinieri del Comando provinciale e Direzione investigativa antimafia viene infatti sottolineato come sia stato «recuperato un ampio spazio di legalità economica, restituendolo alla collettività onesta e lavoratrice». Ammonta a 30 milioni di ieri il valore dei beni sottoposto a sequestro. Un elenco infinito tra patrimoni aziendale, quote e capitali sociali di proprietà di Giuseppe e Barbara Crocè, padre e figlia arrestati ieri, ma anche degli altri indagati del troncone principale dell’inchiesta “Sistema-Assenzio” a partire dall’ex consigliere comunale Dominique Suraci.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X