Domenica, 23 Settembre 2018
CINQUE ARRESTI

"Schiave" dell'Est,
l'indagine a Rosarno
dopo la rivolta

L'inchiesta della Procura della Repubblica di Palmi che ha portato a Rosarno all'arresto di cinque persone accusate di far parte di un'organizzazione dedita al traffico di armi ed alla tratta di donne con la Slovacchia da avviare alla prostituzione è una delle indagini avviate all'indomani della rivolta di Rosarno del gennaio 2010, quando gli immigrati provenienti dall'Africa si ribellarono alle loro condizioni di vita provocando la controreazione degli abitanti della zona.

 L'inchiesta di oggi, tuttavia, non è legata a quei fatti prendendo in esame lo sfruttamento di donne di paesi dell'Est europeo, dai quali giungevano anche armi sulla cui destinazione sono ancora in corso indagini. Durante l'attività, la squadra mobile di Reggio Calabria aveva bloccato, allo svincolo di Vibo Valentia dell'autostrada Salerno-Reggio Calabria, due corriere slovacchi trovati con una pistola calibro 9x19 munita di silenziatore. I due sono già stati condannati in primo grado a quattro anni ed otto mesi di reclusione.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X