Venerdì, 21 Settembre 2018
TRASPORTI

Porto di Gioia,
solo promesse

porto gioia tauro, Reggio, Calabria, Archivio
porto di gioia tauro

 Lo scalo di Gioia Tauro è tornato nell’agenda politica dei partiti in vista delle imminenti elezioni. E in vista della costituzione del nuovo governo si può dire che tutte le promesse arrivate per il rilancio dello scalo sono cadute nel vuoto e quelle annunciate per il suo sviluppo avranno sicuramente i piedi d’argilla. Questo perché lo scalo calabrese è prigioniero di se stesso, di anni di mancata programmazione politica e di scelte errate per il suo sviluppo. Un flop complessivo delle istituzioni nazionali e locali, mascherato dai traffici in forte aumento ma che è maggiormente rafforzato dalla decisione di adeguare al rialzo le tasse di ancoraggio per il 2013. Un provvedimento che scoraggia qualunque compagnia di navigazione e che rende il terminal sempre più aggredibile da altri scali, pronti a conquistare importanti linee. Il vice ministro dei Trasporti Mario Ciaccia aveva garantito provvedimenti per lo scalo calabrese. Era maggio scorso quando si promettevano decreti e misure; a scadenza di mandato non è arrivato alcunché sulla riorganizzazione di Medcenter (Mct). Appunto, solo promesse cadute nel vuoto. E poi qualcuno ha cercato appigli sull’assenteismo dei lavoratori. Richiami non più accettabili, viste le performance e le clamorose sviste politiche.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X