Venerdì, 21 Settembre 2018
OP. ADA

Iamonte ordinava e
il sindaco eseguiva

iamonte, Reggio, Calabria, Archivio
iamonte

L’acronimo. “Ada” sta per armi, droga e appalti. I tre filoni su cui la cosca Iamonte poggiava il suo potere di condizionare la vita di Melito e del Basso Ionio. Gestire armi e droga rientra nei compiti “classici” di una cosca di ’ndrangheta, imporre la propria “legge” per condizionare la vita amministrativa di un Comune è la testimonianza dell’evoluzione che stanno vivendo le ’ndrine.

Gli appalti. Gli appalti della Pubblica Amministrazione costituiscono sempre un ghiotto boccone per la famelica ’ndrangheta che punta solo agli affari milionari ma non disdegna anche a quelli di poche migliaia di euro.

Il controllo. «Nulla può sfuggire al loro controllo. La cosca deve affermare il suo potere nel territorio – ha spiegato il procuratore aggiunto Nicola Gratteri –. I lavori li devono svolgere le imprese “amiche”, così i lavoratori sanno bene chi devono ringraziare al momento del voto».

Porta a porta. Le elezioni vengono vinte a tavolino con gli uomini della cosca che controllano il voto in modo capillare

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X