Mercoledì, 19 Settembre 2018
PALMI

«Vittima di un
omicidio premeditato»

Una furia assassina scatenata da una relazione d’amore extraconiugale tra Fabrizio e Simona, figlia di Antonio Napoli; un piano orchestrato per stroncare il rapporto eliminando l’uomo che aveva insidiato la figlia sposata. È l’ipotesi che la procura svilupperà nel corso del processo che si è aperto ieri al tribunale di Palmi. Non solo. La pubblica accusa punterà a dimostrare che Antonio Napoli, considerato il “regista” dell’omicidio, ha voluto punire Fabrizio anche da morto, facendolo scomparire e impedendo ai familiari una degna sepoltura. Così è stato per un anno, fino a quando lo stesso assassino non ha deciso di consegnarsi alla giustizia consentendo ai carabinieri di ritrovare il cadavere.

Sull’altro fronte i difensori cavalcheranno una tesi alternativa, cercando di dimostrare che l’omicidio è maturato dopo una lite violenta tra Fabrizio e il padre di Simona, tentando di smantellare l’ipotesi della premeditazione. Figura centrale del processo sarà proprio lei, Simona. Ha indicato la pista agli investigatori e ora dovrà testimoniare contro i suoi familiari.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook