Giovedì, 20 Settembre 2018
REGGIO

Davanti al gup la gang
delle prove taroccate

prove taroccate, Reggio, Calabria, Archivio

L’inchiesta. La Procura distrettuale antimafia di Reggio ha chiuso le indagini che vede sotto accusa la gang delle prove taroccate. Secondo l’accusa, sostenuta dal pm Antonio De Bernardo, il gruppo fabbricava prove false per poi sottoporle alle vittime designate e consegnarle in cambio di denaro. L’accusa è associazione finalizzata alla tentata truffa.

Gli indagati. Quattro i destinatari dell’avviso di conclusione indagine: il poliziotto, Antonino Consolato Franco, 52 anni; la moglie Rosa Bruzzese, 43 anni, dipendente di un negozio di telefoni; Angelo Belgio, 41 anni, odontotecnico. Con un ruolo diverso, e un carico accusatorio meno grave, figura anche la romena Michaela Motas, 41 anni.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook