Venerdì, 21 Settembre 2018
'NDRANGHETA

Pm Dda, a Reggio poche
denunce reati contro PA

federico cafiero de raho, Reggio, Calabria, Archivio
Giuseppe Lombardo

A Reggio Calabria ''c'é un'anomalia, la mancanza quasi assoluta di denunce o di comunicazioni che riguardano i reati contro la pubblica amministrazione". A dirlo è stato il sostituto procuratore della Dda reggina Giuseppe Lombardo intervenendo ad un convegno su "Azioni di contrasto alle infiltrazioni della 'ndrangheta nella pubblica amministrazione e nei circuiti economici locali'', promosso dall'Associazione italiana giovani avvocati, a cui ha partecipato anche il procuratore della Repubblica di Reggio Federico Cafiero De Raho. "Questo purtroppo - ha aggiunto il magistrato - in un contesto in cui abbiamo avuto modo di verificare che ci sono una serie di situazioni che non sono tranquillizzanti. E' anomalo perché l'attività che si svolge in relazione a quel tipo di comportamento del pubblico amministratore è fondamentale per prevenire una serie di passaggi ulteriori che spesso portano a reati molo più gravi". A giudizio di Lombardo, "é necessario modificare il modo di approcciare una serie di tematiche. E' possibile, anche abbastanza facilmente, apportare miglioramenti normativi alla legislazione che, comunque, è una delle puiù complete del mondo. Abbiamo gli strumenti per lavorare, ma è necessario superare una serie di quelle che definisco timidezze, nel modo in cui ci si rapporta con un mondo che è un diverso, logicamente, da quello criminale in senso stretto di cui ci occupiamo quotidianamente". (ANSA)

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X