Venerdì, 21 Settembre 2018
PALMI

Suicidio Cacciola,
Pm chiede 21 anni
per genitori e fratello

maria concetta cacciola, Reggio, Calabria, Archivio
tribunale palmi

La condanna a 21 anni di reclusione è stata chiesta dal procuratore di Palmi Giuseppe Creazzo nei confronti dei genitori e del fratello di Maria Concetta Cacciola, la testimone di giustizia suicidatasi nel 2011. I tre, Michele e Giuseppe Cacciola, 55 e 32 anni, e Anna Rosalba Lazzaro (49), sono accusati di maltrattamenti in famiglia seguiti da suicidio e violenza per costringere la donna a ritrattare e quindi a commettere falsa testimonianza e favoreggiamento.

La requisitoria e' stata condotta, davanti ai giudici della Corte d'assise di Palmi, dai pm Giulia Masci e Francesco Ponzetta e conclusa da Creazzo che ha formulato le richieste di condanna: 18 anni per i maltrattamenti in famiglia e tre, in continuazione, per il reato di violenza o minaccia. "Si tratta - ha detto Creazzo nella requisitoria - di un caso emblematico che corrisponde al cliché delle famiglie mafiose che di fronte ai collaboratori di giustizia fanno di tutto per farli ritrattare". Michele Cacciola è il cognato del boss Gregorio Bellocco, capo dell'omonima cosca di 'ndrangheta di Rosarno. Il marito di Maria Concetta Cacciola è Salvatore Figliuzzi, attualmente detenuto per scontare una condanna ad otto anni di reclusione per associazione di tipo mafioso. Maria Concetta Cacciola, dopo avere iniziato a testimoniare, era stata trasferita in una località protetta, dove era rimasta fino al 10 agosto del 2010, quando decise di tornare a Rosarno per riabbracciare i figli rimasti a casa dei nonni in attesa del perfezionamento delle pratiche per il loro trasferimento nella sede protetta. A distanza di qualche giorno, il 20 agosto, la donna si tolse la vita ingerendo acido muriatico. (ANSA)

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X