Venerdì, 21 Settembre 2018
PORTO DI GIOIA

In 2 anni cancellati
tutti i treni

Il porto di Gioia Tauro continua nella sua galoppata di crescita. Un costante aumento di movimenti container che, però, è accompagnato dal crollo verticale di quelli via treno. In base agli ultimi dati in possesso di Medcenter Container Terminal, la società che gestisce le banchine dello scalo calabrese, i risultati sono chiari: dal 2011 ad oggi si è registrato un trend continuo di crescita di movimentazioni all’interno dello scalo, con l’azzeramento totale delle operazioni di trasporto ferroviario. E non è un modo di dire: nel 2011 si era arrivati a 138 movimentazioni che sono vertiginosamente scese nel 2012 fino a 20, per scomparire nell’anno in corso. Fino al 30 di giugno la voce registrava “zero” nel settore del trasporto ferroviario. Insomma dall’area portuale di Gioia Tauro di treni in partenza o in arrivo non se vedono più. Si può tranquillamente affermare che di operazioni di logistica a Gioia Tauro sono rimasti solo gli annunci che puntualmente i politici e i vari esponenti dei governi sono venuti a dare. Il crollo delle movimentazioni coincide con l’abbandono dello scalo da parte di Maersk che opera con un sistema di trasporto diverso rispetto alla compagnia (la sola) che porta i container a Gioia Tauro adesso: la Msc. Il piano nazionale della logistica doveva garantire il rilancio ma non c’è traccia, ma anche se fosse andato in porto chi sarebbe realmente e seriamente interessato adesso a movimentare merci con la tratta ferrata a Gioia?  

L'articolo completo sul nostro giornale

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X