Domenica, 23 Settembre 2018
REGGIO

Bombe ai magistrati,
ad oggi verità lontana

Il processo “Epilogo” si sta celebrando davanti al Tribunale collegiale presieduto da Silvana Grasso. Alla sbarra ci sono sette persone (Maurizio Cortese, Francesco Tomasello, Giovanni Siclari, Fabio Giardiniere, Alessandro Serraino, Demetrio Serraino, Antonino Alati ), ritenute le seconde leve della cosca di ’ndrangheta Serraino. L’accusa è rappresentata dal pm della Direzione distrettuale antimafia Giuseppe Lombardo.

Il dibattimento si trova alla fase conclusiva dopo aver sentito in Tribunale decine e decine di testimoni e numerosi collaboratori di giustizia, tra cui spiccano i nome dei contestati pentiti Antonino Lo Giudice (ormai un ex) e Consolato Villani. Dopo la richiesta di condanne effettuata dal sostituto procuratore della Dda Giuseppe Lombardo in aula si stanno susseguendo gli interventi difensivi, Il processo riprenderà lunedì 16 settembre.

La protesta. Cinque imputati hanno deciso di fare lo sciopero della fame per sollecitare il Tribunale a recepire le proprie ragioni. Tra questi chi ha resistito per il periodo maggiore è stato proprio Maurizio Cortese.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X