Lunedì, 12 Novembre 2018
AREA STRETTO

Ancora un mese e poi
stop a Metromare

Fra poco più di un mese sarà praticamente impossibile raggiungere a piedi la Calabria da Messina.

La concessione al consorzio ex Metromare non è stata ancora rinnovata e con l’imminente spostamento a Tremestieri della quasi totalità' delle navi  Bluferries e Caronte, saremo di fronte all'interruzione TOTALE della continuità' territoriale per i pedoni. A lanciare l’allarme oggi è Michele Barresi delegato Orsa Trasporti Sicilia che punta l’indice contro la politica colpevole di sottovalutare un grave problema. Toccherebbe alle amministrazioni locali e regionali –sostiene Barresi- sollecitare il Ministero a compiere atti concreti con un immediato affidamento diretto che garantisca la prosecuzione del servizio in attesa del bando.

Ma la burocrazia ha i suoi tempi. Sono già trascorsi  venti giorni dall'ultimo incontro romano tra Ministero  dei Trasporti e Amministrazioni Siciliane e Calabresi ed ancora non si ha nessuna notizia del nuovo bando del servizio di collegamento marittimo veloce tra Sicilia e Calabria che scadrà il 31 dicembre . 

In pratica si ripete quanto accaduto a giugno  quando si arrivo' in prossimità' della scadenza della concessione al consorzio Metromare senza che venisse predisposto dal Ministero il bando necessario al rinnovo triennale del servizio .  E’ la dimostrazione –lamenta oggi l’Orsa – ella scarsa attenzione della politica verso l'area dello stretto, un territorio orfano di una programmazione del sistema trasporti marittimi e ferroviari che garantisca la mobilita' dei cittadini tra le due sponde" 

Per garantire un servizio con i necessari standard qualitativi e quantitativi e tariffe agevolate per i residenti servono almeno 30 milioni di euro di cui –denuncia Barresi- non vi e' ancora traccia nella legge di stabilita' in discussione nei rami del parlamento. Un quadro a tinte fosche quello dipinto dall’Orsa anche perché a breve sarà interdetto il passaggio pedonale su tutte le navi RFI dopo l'incidente mortale dello scorso 14 aprile, quando un’auto volò da una rampa d'imbarco. Occorre provvedere per tempo a reperire almeno 6 milioni di euro – avverte l’Orsa-  necessari per garantire la continuità' di quel minimo servizio necessario ad un'utenza sempre crescente e nell’attesa di un bando che, secondo il sindacato,  non avverrà' prima della prossima primavera. 

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X