Domenica, 21 Luglio 2019
stampa
Dimensione testo
REGGIO CALABRIA

Armi e munizioni nascoste nel sottotetto di uno stabile

di
armi nascoste, reggio calabria, Reggio, Calabria, Archivio
Armi e munizioni nascoste nel sottotetto di uno stabile

Un sottotetto di uno stabile, in via Modena San Sperato, era stato trasformato in un nascondiglio di armi. C’era anche una pistola “Glock” modello 17, la potentissima semi automatica di fabbricazione austriaca in dote alle forze di polizia federale statunitensi oltre che a molte altre forze armate e di polizia di tutto il mondo (rubata lo scorso 15 dicembre a Reggio) tra le armi rinvenute ieri mattina dai Carabinieri a conclusione dell’ennesimo blitz operativo.

Oltre alla “Glock”, i militari della Stazione “Rione Modena”, che sono entrati in azione seguendo le direttive del maresciallo Andrea Levi, hanno rinvenuto due caricatori non contenenti cartucce; una pistola semiautomatica “Beretta” modello 84fs con un caricatore sprovvisto di cartucce (l’arma era stata asportata il 17 novembre sempre in città); 12 cartucce calibro “9x21”; 30 cartucce calibro “9x17”.

Le due pistole e le ben 42 cartucce erano perfettamente conservate, in piena efficienza e pronte all’uso. «Le armi ed il munizionamento sono stati posti sotto sequestro in attesa delle determinazione che la Procura della Repubblica di Reggio Calabria vorrà adottare» rimarcano in una nota i Carabinieri del Comando provinciale di Reggio facendo presupporre un probabile sviluppo investigativo.

Le indagini dell’Arma proseguono adesso in più direzioni: intanto per identificare chi le avesse nascoste in quel sottotetto al rione San Sperato, chi ne avesse la disponibilità e chi le avrebbe utilizzate. Una responsabilità personale al momento non individuata visto che l’astuto nascondiglio era stato ricavato in un’area condominiale, quindi potenzialmente nella disponibilità e di facile accesso per chiunque, anche di persone non residenti allo stabile. Secondo step investigativo è adesso verificare l’eventuale utilizzo dalle due pistole dal momento del furto (la “Glock” il 15 dicembre, la “Beretta” il 17 novembre) alla mattinata di ieri quando sono state rinvenute.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook