Sabato, 22 Settembre 2018
LOCRI

"Imponevano con protervia i loro modelli tribali"

di
acero-knupy, Reggio, Calabria, Archivio
Detenzione e spaccio di drogail Gup ne condanna 17

«Il processo ha ad oggetto la struttura e l’operatività di cosche mafiose radicate nel territorio calabrese, con elevata capacità di agire anche all’estero per soddisfare i bisogni e gli appetiti materiali dei loro capi e dei loro partecipi, esportando, tra l’altro, il modello primitivo e tribale che caratterizza le ‘ndrine».

È quanto scrive il gup di Reggio Calabria Filippo Aragona nelle motivazioni della sentenza del processo “Acero-Krupy”, che si è definita in abbreviato con condanne a oltre 5 secoli di carcere per 37 imputati e una sola assoluzione con formula ampia. 

Leggi qui il resto dell'articolo: http://edicoladigitale.gazzettadelsud.it/gazzettasud/includes/shop/

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X