Mercoledì, 14 Novembre 2018
IL RICORDO

Strage di Gioia Tauro, trent'anni fa la Calabria pianse vittime oggi dimenticate

di

Di vittime innocenti cadute per mano della ‘ndrangheta una città come Gioia Tauro, in cui in passato il sangue per le strade è sgorgato a litri, potrebbe annoverarne tante, ma la realtà è che oggi non ne ricorda neanche una.

“Strage a Gioia Tauro”: così titolava in prima pagina la Gazzetta rilanciando il servizio del veterano collega Gioacchino Saccà. Fin dalle prime battute, si disse che due delle tre vittime erano cadute probabilmente soltanto per caso: il fabbro Giuseppe Tomaselli, 25 anni, incensurato che abitava in via Trinacria e Giuseppe Zambara, manovale di 22 anni, anch’egli incensurato. Due figli del quartiere Marina. La terza vittima, era Angelo Lattari, 33 anni, pregiudicato di via Monacelli, che insieme al fratello Agostino, allora 31enne, gestiva un’officina, teatro del grave fatto di sangue.

Secondo le prime ricostruzioni, due killer fecero irruzione sparando contro i tre che si trovavano al centro del capannone e furono raggiunti alla testa e al torace dai colpi a breve distanza.

La versione integrale dell'articolo è disponibile sull'edizione della Gazzetta del Sud - edizione di Reggio Calabria.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X