Martedì, 26 Marzo 2019
stampa
Dimensione testo
L'INTERROGATORIO

Operazione "Cerere" a Palmi, Carmelo Gallico respinge le accuse

di
clan gallico, operazione cerere, palmi, Reggio, Calabria, Cronaca
Carmelo Gallico

Si è difeso con i denti Carmelo Gallico, il palmese arrestato nell’ambito dell’inchiesta della Dda di Reggio Calabria denominata “Cerere”. Il 55enne è comparso ieri mattina davanti al giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Reggio Calabria Domenico Santoro, accompagnato dai suoi legali, gli avvocati Guido Contestabile e Davide Barillà.

Gallico – secondo quanto appreso alla fine dell’interrogatorio di garanzia – ha rigettato le accuse che gli contesta la Procura antimafia, vale a dire tentata truffa aggravata dall’avere agevolato la cosca Gallico. L’indagato, infatti, ha dichiarato di non avere nessuna responsabilità se non di aver ripetuto quello che già aveva fatto l’amministratore giudiziario durante il periodo in cui i terreni di proprietà di sua sorella Teresa Gallico, vale a dire farsi firmare i documenti per fare richiesta dei fondi europei per l’agricoltura. Gallico, inoltre, ha sostenuto che quando l’autorità giudiziaria ha sequestrato il conto corrente della sorella, sul quale poteva operare, aveva revocato la domanda di aiuto comunitario.

All’esito dell’interrogatorio gli avvocati Contestabile e Barillà hanno chiesto al gip Domenico Santoro la revoca della misura.

Leggi l'articolo completo su Gazzetta del Sud - edizione Reggio in edicola oggi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook