Giovedì, 22 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Il sindaco e le pressioni per un posto alla Caronte, i retroscena degli arresti a Villa San Giovanni

Il sindaco e le pressioni per un posto alla Caronte, i retroscena degli arresti a Villa San Giovanni

arresti, caronte & tourist, stretto di messina, villa san giovanni, Giovanni Bombardieri, Giovanni Siclari, Reggio, Calabria, Cronaca
Giovanni Siclari

«Il sindaco Giovanni Siclari si è fatto promotore della richiesta di un favore, di un’assunzione, presso la dirigenza dell’azienda, ben sapendo che quell'assunzione, come dice lui stesso nell’intercettazione, gli avrebbe consentito di godere anche del favore di alcuni esponenti della minoranza». Lo ha affermato il procuratore capo Giovanni Bombardieri rispondendo alle domande dei giornalisti sull'operazione Cenide, che ha visto i carabinieri eseguire 11 misure cautelari tra cui, oltre al sindaco, presidente e amministratore delegato della società di navigazione «Caronte & Tourist S.p.A.».

«Si trattava - ha aggiunto Bombardieri - di intercedere per l’assunzione del figlio di una consigliera di minoranza e lui stesso dice 'nel momento in cui si favorisce l’assunzione del figlio non ti si ritorcerà contro'».

Quindi, secondo la magistratura, una gestione «del sistema politico», dei rapporti tra maggioranza e minoranza, che esula da qualsiasi regola democratica dell’attività politica».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook