Venerdì, 30 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Commemorati i carabinieri ammazzati dalla ’ndrangheta in un piazzale della Salerno-Reggio Calabria
LA CERIMONIA

Commemorati i carabinieri ammazzati dalla ’ndrangheta in un piazzale della Salerno-Reggio Calabria

di

Uno dei carabinieri suona il silenzio, mentre la madre di Antonino Fava, Teresa Vicari, piange guardando la stele che ricorda il sacrificio di suo figlio e dell’altro appuntato dei carabinieri ucciso dalla ’ndrangheta il 18 gennaio 1994, Vincenzo Garofalo.

Sono passati 26 anni da quella barbara uccisione e la famiglia delle due vittime e l’Arma, anche quest’anno, hanno celebrato la commemorazione per i militari che furono ammazzati in un piazzale della Salerno-Reggio Calabria, non distante dallo svincolo autostradale di Scilla. Anche ieri mattina, come negli anni scorsi, autorità militari e civili hanno partecipato alla cerimonia, nel corso della quale è stata svelata un targa in memoria di Fava e Garofalo, donata dall’Anas.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud, edizione di Reggio

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook