Venerdì, 30 Luglio 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Duplice omicidio a Calanna (Reggio Calabria), coniugi freddati a fucilate mentre raccolgono le olive
INDAGANO I CARABINIERI

Duplice omicidio a Calanna (Reggio Calabria), coniugi freddati a fucilate mentre raccolgono le olive

Giuseppe Cotroneo e la moglie Francesca Musolino, di 58 e 51 anni. Al momento gli inquirenti escludono che sia un agguato di 'ndrangheta. L'allarme lanciato dal figlio.

Duplice omicidio a Calanna. In una zona rurale i carabinieri hanno rinvenuto i cadaveri di due coniugi, entrambi attinti da colpi d'arma da fuoco. I rilievi e le successivi indagini, coordinate dalla Procura di Reggio Calabria, sono in corso per ricostruire la dinamica del delitto. I due coniugi Giuseppe Cotroneo e la moglie Francesca Musolino, di 58 e 51 anni, sono stati uccisi - probabilmente - a colpi di fucile mentre raccoglievano le olive in campagna. Entrambi lavoravano a Reggio al Policlinico come infermieri.

I soccorsi sono stati chiamati da uno dei due figli della coppia, Antonino, che si era allontanato per trasportare delle cassette di olive. Ed è probabile che il killer abbia proprio aspettato che il ragazzo si allontanasse per entrare in azione. Sull'omicidio stanno indagando i carabinieri, che devono ricostruire la dinamica del delitto, coordinati dal procuratore aggiunto di Reggio Calabria Gerardo Dominijanni e dal pm di turno Flavia Modica. Vanno ricostruite le ultime ore di vita dei due coniugi. Intanto sbigottimento è stato espresso dalla comunità di Calanna. Gli inquirenti, al momento, sul movente del duplice omicidio. Al momento gli inquirenti escludono che sia un agguato di 'ndrangheta. Dai primi accertamenti dei carabinieri è emerso che le vittime erano lontane dagli ambienti criminali della zona e non avevano frequentazioni compromettenti. Erano una coppia tranquilla che, oltre ad avere un impiego, lavorava la terra e, in questo periodo, era dedita alla raccolta delle olive. Non ci sono elementi, dunque, che possano far pensare a un episodio di mafia. Proprio per questo, il fascicolo è in mano alla Procura ordinaria di Reggio Calabria, che ha delegato ai carabinieri le indagini per accertare dinamica e movente del duplice omicidio. Non si esclude, tra l’altro, un delitto d’impeto, legato a questioni familiari o di vicinato. Al momento sono queste le ipotesi al vaglio degli investigatori che hanno eseguito alcune perquisizioni nelle abitazioni di alcuni pregiudicati della zona e sentito le persone vicine alle due vittime, compreso il figlio che ha lanciato l’allarme.

Sconcerto e sorpresa per il duplice omicidio sono stati espressi dal sindaco di Calanna, Domenico Romeo. «Lavoravano entrambi . - ha detto Romeo - al Policlinico di Reggio Calabria e vivevano grazie ai proventi del lavoro agricolo. Erano due persone perbene. In paese siamo tutti costernati per un delitto così efferato che ha visto come vittime due persone mai chiacchierate e lontane da qualsiasi contesto criminale». «Per tutta la vita - ha detto ancora il sindaco Romeo - hanno badato alla famiglia e ai loro due figli gemelli di 28 anni. Uno dei due li aiutava nella raccolta delle olive. Il giovane, quando si è allontanato, ha sentito i colpi di fucile. E' tornato indietro e ha visto i due genitori a terra. Che si sappia non c'era alcun tipo di problema di vicinato. Non si capisce come sia stato possibile. Siamo tutti profondamente colpiti dalla morte di questa coppia».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook