Giovedì, 06 Maggio 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca L'ex poliziotto Seby Vecchio e il clan Serraino verso il processo a Reggio
PEDIGREE

L'ex poliziotto Seby Vecchio e il clan Serraino verso il processo a Reggio

di
Sotto accusa con i vertici della ’ndrina di San Sperato anche quattro collaboratori di giustizia

L’ex poliziotto ed assessore comunale Seby Vecchio, l’ex capo delle giovani leve della cosca Serraino, Maurizio Cortese, e i suoi due fedelissimi, i fratelli Tonino e Daniele Filocamo: ci sono anche quattro collaboratori di giustizia tra i 24 indagati della doppia retata “Pedigree” che hanno ricevuto l'avviso conclusioni indagini della Procura distrettuale antimafia di Reggio.

Verso il processo capi e gregari della cosca Serraino, e di una costola del clan Libri, colpititi duramente, in due distinte ma ravvicinate retate condotte dalla Squadra Mobile tra il 9 luglio (“Pedigree”) e il 15 ottobre 2020 (“Pedigree 2”) stroncando gli affari criminali dello storico gruppo mafioso con base operativa nel quartiere San Sperato, e nei comuni aspromontani di Cardeto e Santo Stefano.

Ampio il ventaglio delle accuse, sostenuto dal pool della Dda diretto dal procuratore Giovanni Bombardieri e composto dai sostituti Sara Amerio, Paola D'Ambrosio, Stefano Musolino, Walter Ignazitto e Diego Capece Minutolo: associazione mafiosa, estorsione, intestazione fittizia di beni, danneggiamento, porto e detenzione illegale di armi da fuoco, corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio, illecita concorrenza con violenza o minaccia, incendio, aggravati dalla circostanza del metodo e dell’agevolazione mafiosa.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Reggio

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook