Domenica, 19 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Processo “Helianthus” a Reggio, imputato denuncia i collaboratori di giustizia
LA TESTIMONIANZA

Processo “Helianthus” a Reggio, imputato denuncia i collaboratori di giustizia

di
Fabio Morabito ribatte con convinzione alle accuse dei pentiti Liuzzo e Cortese

Non condivide alcun passaggio ed accetta il corso della giustizia - «ho profondo rispetto per la Magistratura nella quale confido e spero che anche questo procedimento possa concludersi come quello precedente, risolto con una sentenza di assoluzione» -, Fabio Morabito, tra gli imputati del processo “Helianthus” e destinatario di una pesante richiesta di condanna a conclusione della recente requisitoria della Dda (14 anni di reclusione) ma non ci sta affatto di fronte alle accuse dei collaboratori di giustizia, Giuseppe Stefano Tito Liuzzo e Maurizio Cortese, che lo indicano tra i fiancheggiatori della cosca Labate. Una presa di posizione categorica di Fabio Morabito che si è concretizzata con una querela-denuncia contro i due pentiti. Assistito dai legali di fiducia, avvocati Giacomo Iaria e Valeria Iaria, si è appellato al procuratore Giovanni Bombardieri sottolineando: «Ciò che trovo inaccettabile è che, in quest'ultimo processo, vengano menzionate le dichiarazioni di due collaboratori che, senza conoscermi e senza conoscere i miei sacrifici, si permettono di infangare, il nome mio e della mia famiglia e l'immagine dei miei figli. Mi riferisco in particolare alle dichiarazioni di Liuzzo e Cortese».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Reggio

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook