Martedì, 22 Giugno 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Brogli a Reggio Calabria, ex consigliere Castorina lascia domiciliari. Divieto di dimora in città
CHIUSURA INDAGINI

Brogli a Reggio Calabria, ex consigliere Castorina lascia domiciliari. Divieto di dimora in città

Il procuratore Giovanni Bombardieri, l’aggiunto Gerardo Dominijanni e i pm Paolo Petrolo e Nunzio De Salvo hanno notificato l’avviso di conclusione indagini anche agli indagati Giuseppe Saraceno, Simone D’Ascola, Francesco Laganà e Antonio Fortunato Morelli.

La Procura di Reggio Calabria ha notificato l’avviso di conclusione indagini al consigliere comunale del Pd, Antonino Castorina arrestato lo scorso dicembre per i brogli che si sarebbero verificati alle ultime elezioni comunali del 20 e 21 settembre 2020. Il gip Stefania Rachele ha sostituito per Castorina la misura cautelare degli arresti domiciliari con il divieto di dimora a Reggio Calabria. Il procuratore Giovanni Bombardieri, l’aggiunto Gerardo Dominijanni e i pm Paolo Petrolo e Nunzio De Salvo hanno notificato l’avviso di conclusione indagini anche agli indagati Giuseppe Saraceno, Simone D’Ascola, Francesco Laganà e Antonio Fortunato Morelli. Questi ultimi sono stati arrestati nella seconda tranche dell’inchiesta condotta dalla Digos che ha scoperto come alle elezioni comunali avrebbero votato centinaia di anziani che in realtà non si sono mai recati al seggio.

Alcuni voti sarebbero stati espressi addirittura da soggetti deceduti. Stando all’impianto accusatorio, questo è stato possibile grazie ai duplicati delle tessere elettorali ritirati negli uffici comunali da Castorina e dal suo entourage. L'inchiesta ha consentito ai pm di scoprire come Castorina si sarebbe di fatto autonominato illegittimamente prima componente e poi presidente della Commissione elettorale comunale. Il tutto senza passare dal Consiglio che aveva eletto sia i membri effettivi che i supplementi della Commissione. Ciò gli avrebbe consentito di nominare gli scrutatori per le elezioni comunali in cui era candidato, arrogandosi pure «la funzione di "delegato del delegato" del sindaco nella nomina dei presidenti di seggio». In seguito alla chiusura delle indagini, l’esponente del Pd, difeso dagli avvocati Francesco Calabrese e Natale Polimeni, lascia i domiciliari e va al divieto di dimora che, secondo il gip dovrebbe essere idoneo a «comprimere la libertà di movimento e di relazione del Castorina nell’ambiente in cui le relazioni latu sensu "politiche" fraudolente hanno avuto origine, ovvero la città di Reggio Calabria». Per gli altri quattro indagati è stato disposto l’obbligo di presentazione alla pg «tutti i giorni della settimana per due volte al giorno».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook