Domenica, 28 Novembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Operazione “Sbarre” a Reggio, nega tutto la vittima del sequestro di persona
L'UDIENZA

Operazione “Sbarre” a Reggio, nega tutto la vittima del sequestro di persona

di
Udienza chiave davanti al Gup: interrogato uno dei minori nel mirino del clan

Non subì alcun sequestro di persona, non rimase rinchiuso in una palazzina-bunker al rione Sbarre per punizione dopo aver rubato una partita di stupefacenti alla banda di cui faceva parte seppure con ruoli operativi marginali e di semplice vedetta, non fu picchiato, maltrattato né tantomeno seviziato per costringerlo a vuotare il sacco sui tempi di realizzazione dello sgarro alla gang della droga; e soprattutto ha negato di aver avuto alcun tipo di rapporto di conoscenza o di semplice contatto relazionale con i presunti aguzzini sul banco degli imputati, i vertici del gruppo che scorrazzava negli ex rioni Guarna e Caridi, nel cuore dell'antico e popolare quartiere Sbarre, che l'avrebbero fatto sparire per un paio di giorni fino a quando non fu saldato il conto del pacchetto di droga rubato. Ha negato tutto davanti al Gup Candido, e nonostante il fuoco di fila di domande del Pubblico ministero della Direzione distrettuale antimafia, Walter Ignazitto e del collegio difensivo (gli avvocati Giacomo Iaria, Albina Nucera e Fabio Tuscano), il minore accusato di essere stato un pusher della gang stroncata dai Carabinieri con la retata “Sbarre” (assolto per il delitto di spaccio dal Tribunale per i minori) e vittima di un clamoroso sequestro di persona.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Reggio

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook