Domenica, 04 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Reggio, lo sfogo di un educatore: “Da 5 mesi senza stipendio, servizi a rischio”
LO SFOGO

Reggio, lo sfogo di un educatore: “Da 5 mesi senza stipendio, servizi a rischio”

La denuncia di un educatore che chiede interventi al Comune

Basta promesse. Servono fatti concreti per garantire i servizi per i fragili. A lanciare l’allarme è uno degli educatori, Giuseppe Foti che spiega: «C’è una virtù che ha fatto la sua comparsa nel V secolo avanti Cristo e di cui si sono perse le tracce nel V secolo dopo Cristo. Il suo nome è parresia. Il suo significato è: “Dire la verità”. L’amministrazione comunale sembrerebbe proprio priva di tale virtù o per lo meno consegnata volutamente all’oblio (occhio non vede cuore non duole)».
Argomenta Foti: «Mi scuserete se dopo tante promesse e incontri, in cui non avete saputo ancora trovare la soluzione per pagare i servizi resi dei centri socio educativi, mi permetto di raccontarvi la verità. I tanti disabili rischiano, ogni giorno che passa, di vedersi negato il diritto alla cura che le amorevoli e professionali educatrici dei centri socio educativi gli garantiscono, anche a discapito delle pressanti problematiche economiche a cui sono sottoposte per non aver percepito stipendi da oltre cinque mesi, se non qualche contentino da parte dell’amministrazione comunale».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Reggio Calabria

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook