Mercoledì, 08 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca “Manca la querela”: a Reggio scagionate due persone accusate di quattro furti
IL CASO

“Manca la querela”: a Reggio scagionate due persone accusate di quattro furti

«Per mancanza di una condizione di procedibilità», il gup di Reggio Calabria Stefania Rachele ha disposto il «non doversi procedere» nei confronti di due persone imputati per quattro furti avvenuti a cavallo tra il 2020 e il 2021. A causa della «riforma Cartabia», che prevede l'improcedibilità per i reati di furto in assenza di querela di parte, si è concluso così il processo nato da un’inchiesta coordinata dal procuratore Giovanni Bombardieri e condotta dalla Polizia che aveva intercettato i due imputati facendo luce su una serie di furti consumati nei vagoni dei treni merci parcheggiati vicino alla stazione ferroviaria di Villa San Giovanni.
I due soggetti, difesi dagli avvocati Marilena Barbera e Giacomo Iaria, hanno visto cadere le accuse di furto nei loro confronti a causa della mancanza di querela. Sono stati condannati, uno a un anno e 8 mesi di carcere e l’altro a 2 anni di reclusione, solo per la detenzione di armi. Una pena che, avendo scontato già sette mesi di detenzione, consente a uno dei due di attendere il processo d’appello a piede libero mentre l’altro rimane in carcere per un’altra causa.
Prima della sentenza, il pm aveva sottolineato che per i quattro furti «non è stata presentata querela e, allo stato, non risulta possibile individuare con precisione le persone offese». Da qui la richiesta, avanzata dalla stessa Procura, di revoca parziale della misura cautelare in carcere per i reati di furto. Revoca che è stata accolta dal gup.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook