Lunedì, 27 Giugno 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca A Reggio vince ancora la solidarietà: studenti ucraini in visita a Palazzo Alvaro

A Reggio vince ancora la solidarietà: studenti ucraini in visita a Palazzo Alvaro

Una visita d'eccezione a Palazzo Corrado Alvaro. La sede della Città Metropolitana di Reggio Calabria ha accolto un gruppo di 50 studenti provenienti dall'Ucraina, ospiti da un mese della comunità parrocchiale di San Nicola di Bari a Roccella Jonica. Dopo una visita al Museo Nazionale, dove hanno avuto modo di apprezzare la bellezza dei Bronzi di Riace, accompagnati dal Parroco Padre Francesco Carlino, i ragazzi sono stati accolti a Palazzo Corrado Alvaro, direttamente all'interno della Sala Consiliare Leonida Repaci dove, alla presenza dei Consiglieri Giuseppe Ranuccio e Rudi Lizzi, hanno consegnato una bandiera dell'Ucraina al sindaco facente funzioni Carmelo Versace.

"E' stato un grande onore per noi poter accogliere questi ragazzi - ha affermato Versace - per l'intera comunità della Città Metropolitana è stato un momento di altissimo valore civico che ci ha ricordato, attraverso il racconto della loro tragica esperienza, il dramma che sta vivendo ormai da mesi un intero popolo. Accogliendoli nella massima assise della Città Metropolitana abbiamo affermato con forza la nostra vicinanza al popolo ucraino e la piena solidarietà delle istituzioni territoriali".

Il gruppo di studenti ucraini da qualche settimana è ospite di una struttura sul territorio di Roccella Jonica. Sono stati proprio gli Ucraini da tempo residenti nella cittadina jonica ad attivare i canali per assicurarne l'accoglienza in Italia. Un progetto che si basa puramente sul volontariato, grazie alle donazioni di viveri e beni di prima necessità che provengono dalle altre associazioni del comprensorio, dalla Cgil, con il supporto dei dirigenti Mimma Pacifici e Gregorio Pititto, quest'ultimo anche presente alla visita odierna a Palazzo Alvaro, dall'Amministrazione comunale di Roccella, guidata dal sindaco Vittorio Zito e dalla rete di solidarietà attivata sul territorio.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook