Martedì, 18 Settembre 2018
CASO MORELLI

Corbelli" E' un sepolto vivo
è accanimento"

“Un sepolto vivo dimenticato e abbandonato da tutti. Completamente rimosso come se non fosse mai esistito. Nei suoi confronti è in atto un vero e proprio accanimento giudiziario”. Cosi Franco Corbelli definisce la situazione del consigliere regionale Franco Morelli, in carcere a Milano da otto mesi e mezzo perché coinvolto in una inchiesta della DDA milanese sulla ndrangheta. Corbelli lancia un appello perché si  intervenga prima che sia troppo tardi. Morelli è molto provato, abbattuto moralmente, magrissimo, invecchiato di colpo, irriconoscibile. Continua a sorreggerlo  solo la sua grande fede. “Perché - chiede il leader di Diritti Civili -  l’esponente politico continua ancora, a distanza di quasi un anno,  a rimanere in carcere visto che ad  aprile è iniziato il processo e non c’è   più nessuna ragione che giustifichi la carcerazione preventiva: né reiterazione del reato, né inquinamento delle prove e neppure pericolo di fuga”?  Corbelli parla di “ingiusto accanimento giudiziario” contro Morelli e si dice “fortemente e seriamente preoccupato per le gravi, drammatiche conseguenze che l’arresto e la lunga, ingiusta e ingiustificata, carcerazione preventiva possano avere sul suo stato di salute  Pur confermando pieno rispetto per  il magistrato Ilda Boccassini e il gip Giuseppe Gennari e per il loro operato  il leader di Diritti Civili ritiene ingiustificata questa lunga detenzione e si dice sorpreso per il silenzio assordante calato su questa vicenda e per l’indifferenza di tanti pseudo garantisti. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook