Sabato, 24 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio La legge di “don Saro” per prendersi le terre
OPPIDO MAMERTINA

La legge di “don Saro”
per prendersi le terre

mammoliti, Reggio, Calabria, Archivio

Poco importava se il 70enne Saverio “Saro”Mammoliti, il boss “play boy” con un posto tra i mammasantissima della “vecchia” ’ndrangheta calabrese, fosse ufficialmente un pentito, una “gola profonda” della criminalità organizzata. Il suo nome continuava ad incutere paura e meritava rispetto. Così il figlio Antonino Mammoliti, 23 anni, e Danilo
Carpinelli, 28 anni, figlio della seconda moglie, spendevano il suo blasone per mettere le mani sugli interminabili terreni e i maestosi uliveti di Castellace, le campagne della Piana da sempre la roccaforte della cosca. Quando i rampolli del clan erano agitati dai dubbi o stremati dalle difficoltà, erano i consigli di don Saro a spianargli la strada. Tra tante intercettazioni gli inquirenti ritengono emblematica una conversazione tra il vecchio boss e il figlio. Rassicurandolo «di non preoccuparsi e quando è ora fa tutto lui...».

I dettagli li trovate sul nostro giornale

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook