Venerdì, 21 Settembre 2018
REGGIO

La scalata economica
del clan Lampada

valle-lampada, Reggio, Calabria, Archivio

La verità sulla famiglia Lampada e sulla scalata economico-imprenditoriale dei fratelli Francesco e Giulio che, partendo da Reggio Calabria nel 1999, hanno conquistato una significativa fetta del business dei videogiochi all’ombra della “Madunnina”. I fratelli Lampada sono considerati, dalle Dda di Milano e Reggio Calabria, l’interfaccia
nel Milanese delle cosche di ’ndrangheta reggine. Gli inquirenti li considerano uomini di Pasquale Condello, detto “Il Supremo”. Ma anche –sempre secondo l’accusa – in collegamento con le cosche De Stefano e Tegano, massime espressioni criminali del rione Archi. Un ruolo che li ha inchiodati nell’inchiesta su mafia, magistrati, politici e colletti bianchi sull’asse Calabria-Lombardia, il cui processo si sta celebrando a Milano. Francesco e Giulio Lampada sono sul banco degli imputati accanto al giudice
Vincenzo Giglio, all’ex consigliere regionale Franco Morelli. Dell’arrivo dei Lampada a Milano, della “fortuna” accumulata «comprando bar e gestendo il business dei videogiochi», del «rapporto con i parenti in odor di mafia», i Valle (Francesco Lampada ha sposato la figlia di Fortunato Valle), dei «finanzieri corrotti» ha parlato proprio Francesco Lampada in Tribunale a Milano, e lo ha fatto con dichiarazioni spontanee.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X