Martedì, 25 Settembre 2018
REGGIO

Nel 2012 hanno chiuso
700 imprese edili

crisi edilizia, Reggio, Calabria, Archivio

700 Le imprese chiuse Nel corso del 2012 hanno chiuso battenti o sono fallite settecento imprese in tutto il territorio provinciale. Un dato drammatico che raffigura meglio di ogni parola la crisi economica.

2500 I lavoratori licenziati L’emorragia di posti di lavoro è stata terribile. E anche il lavoro nero è cresciuto a dismisura. Effetti diretti della crisi

Nudi e crudi. Certi numeri fanno davvero impressione. E non servono nemmeno troppe parole per fotografare la realtà economica reggina che diventa sempre più asfittica. Se poi aggiungiamo anche l’i mmagine del cantiere di Sant’Anna del nuovo Palazzo di Giustizia (la più grande opera presente sul territorio e completata per almeno l’80% e finito nelle sabbie mobili della crisi della Bentini e della nostra Amministrazione comunale) e bloccato dallo scorso mese di luglio, il quadro è ben delineato. Da sempre la leva che muove l’economia reggina è l’e d i l izia e se questa accusa cifre negative la crisi non resta circoscritta tra pilastri e solette ma si abbatte con un effetto moltiplicatore su tutto il resto. E allora se il settore delle costruzioni in tutta la nostra provincia accusa numeri da paura che dicono che nel 2012 hanno chiuso battenti o sono fallite settecento imprese edili, e duemilacinquecento sono i lavoratori licenziati, emerge una realtà drammatica con cui bisogna necessariamente confrontarsi.   

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X