Martedì, 18 Settembre 2018
"DANNI PER DIFFAMAZIONE"

Due magistrati reggini
chiedono 20 mln a Forgione

forgione, libro, porto franco, Reggio, Calabria, Archivio

Due magistrati di Reggio Calabria, il Procuratore generale Salvatore Di Landro e la figlia Francesca, giudice nella stessa citta', hanno chiesto venti milioni di euro di danni per diffamazione a mezzo stampa a Francesco Forgione, giornalista, ex presidente della Commissione Parlamentare Antimafia, autore di un libro inchiesta sulla 'ndrangheta. 

Lo scrive il sito "Ossigeno per l'informazione". Il libro inchiesta di Forgione, dal titolo "Porto franco. Politici, manager e spioni nella repubblica della 'ndrangheta", è stato pubblicato nel giugno del 2012 da Dalai Editore. 

Un paragrafo è dedicato a giudici e avvocati che sono imparentati con il Procuratore generale Di Landro e che lavorano nel Tribunale della città dello Stretto. "E' chiaramente un'intimidazione - afferma Forgione - ma con me le intimidazioni non hanno effetto". Di Landro e la figlia hanno presentato due distinte citazioni in giudizio facendo riferimento al capitolo del libro in cui l'autore ricostruisce le parentele acquisite dei due magistrati. (ANSA)

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook