Domenica, 23 Settembre 2018
PALMI

Amò un uomo vicino
al clan, fu rapita
uccisa e gettata in mare

rossella casini, Reggio, Calabria, Archivio

Una studentessa universitaria innamorata di un giovane considerato vicino alla cosca Gallico di Palmi. Un amore che non riesce a sconfiggere le regole della ’ndrangheta. Sono riemersi in questi giorni - dopo 32 anni - i retroscena sulla uccisione di Rossella Casini, la ragazza che frequentava a Firenze la facoltà di Magistero, corso di laurea in Pedagogia. Correva l’anno accademico 1978/79. Grazie alla disponibilità dell’Ateneo di Firenze ed al lavoro di recupero e mantenimento della memoria dell’associazione “Libera”, la giovane Rossella Casini ha di nuovo un volto. È stata concessa l’autorizzazione a pubblicare la foto del libretto universitario di Rossella. E così si riavvolge il nastro di una storia d’amore che si è trasformata in una prigione mortale per la studentessa: il 22 febbraio del 1981 è stata sequestrata, uccisa e gettata in mare. Voleva strappare il suo ragazzo alla morsa della faida che imperava in quegli anni.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X