Sabato, 22 Settembre 2018
REGGIO CALABRIA

Estorsione aggravata
arrestato vice-presidente
della Reggina

giovanni remo, Reggio, Calabria, Archivio

I carabinieri hanno arrestato a Reggio Calabria un imprenditore, Giovanni Remo, di 56 anni, vicepresidente della Reggina calcio nell'ambito di un'inchiesta sulla cosca Labate della 'ndrangheta.E' accusato di estorsione aggravata dal metodo mafioso. La stessa accusa viene contestata al fratello di Giovanni Remo, Pasquale, mentre alla terza persona a carico della quale il gip ha emesso l'ordinanza di custodia cautelare in carcere, Michele Labate, viene contestato il reato di associazione mafiosa. Secondo quanto è emerso dalle indagini, l'estorsione che gli viene contestata sarebbe stata commessa da Giovanni e Pasquale Remo ai danni di un parente, costretto a vendere loro ad un prezzo inferiore a quello di mercato uno stabilimento industriale per la macellazione ed il commercio delle carni. (ANSA).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X