Sabato, 25 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Autopsia sul corpo dell’operaio: il carabiniere resta ai domiciliari
NEL REGGINO

Autopsia sul corpo dell’operaio: il carabiniere resta ai domiciliari

angelo raso, incidente stradale, mammola, Reggio, Archivio
Autopsia sul corpo dell’operaio Il carabiniere resta ai domiciliari

Locri

Al momento è sottoposto al regime degli arresti domiciliari il rappresentante delle forze dell’ordine che intorno alle 3 del mattino di venerdì lungo la strada di collegamento Jonica-Tirrenica, all’altezza della Galleria della Limina, lato Mammola, travolgeva, causandone la morte, il 61enne operaio di Polistena, Angelo Raso. Lo sfortunato operaio, nel momento in cui venne travolto,stava espletando il proprio compito di controllo alle “barriere” che, dopo le 22, chiudono al traffico la galleria della “Limina”. A richiedere gli arresti domiciliari, con l’accusa di “omicidio stradale aggravato”, è stato il sostituto procuratore presso la Procura del Tribunale di Locri, Ezio Arcadi, che sta conducendo le indagini. Toccherà al gip a convalidare, o meno,gli arresti domiciliari. Lo sfortunato operaio era addetto al controllo delle “barriere” che, dopo le 22, chiudono al traffico la galleria della “Limina”. 

Una Wolkswagen Polo, condotta da un carabiniere in servizio presso la stazione di Gioiosa Jonica, ma che nel momento in cuii avveniva l’incidente si trovava “libero dal servizio”, travolgeva l’operaio mandandolo a sbattere contro le pareti della galleria. Il militare subito dopo l’impatto si fermava e, rendendosi conto delle gravissime condizioni in cui versava Raso a causa del tremendo impatto, si adoperava per chiamare con urgenza il Servizio di Emergenza-Urgenza del 118. Purtroppo, nonostante la tempestività del’arrivo dei soccorso, per lo sfortunato operaio non c’era più nulla da fare. Ieri, presso la cala mortuaria dell’ospedale spoke di Locri, è stata effettuato l’obbligato esame autoptico sul corpo dello sfortunato operaio morto dopo essere stato travolto dall’autovettura. Il medico legale Tarzia, nominato dalla procura, non ha potuto fare altro che prendere atto dei gravissimi i traumi riportati dallo sfortunato operaio a seguito dell’impatto. Oltre al trauma cranico, diverse sono state le fratture riscontrate sul torace. L’uomo aveva maciullata anche una gamba che gli è stata amputata ed inoltre il braccio destro risultava semi tranciato da un profondo taglio provocato a seguito dell’impatto.(p.l.)

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook