Martedì, 25 Gennaio 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Rischio sindrome visiva bimbi con uso prolungato videogiochi
REGGIO CALABRIA

Rischio sindrome visiva bimbi con uso prolungato videogiochi

bambini, disturbi visivi, videogiochi, Reggio, Archivio
Rischio sindrome visiva bimbi con uso prolungato videogiochi

REGGIO CALABRIA

Mal di testa, tic palpebrali, diplopia transitoria e vertigini, assenza di stereopsi fine (capacità di percepire la profondità di campo) e comparsa di vizi di refrazione (astigmatismo, miopia, ipermetropia), soprattutto nell’occhio dominante, sono i segni
più frequenti riscontrati nei bambini di età compresa tra i tre e i dieci anni che trascorrono molte ore alle prese con i
videogiochi. Anzi «si può parlare di una vera e propria 'Sindrome da videogiochì, per la prima volta diagnosticata da
una equipe di oculisti italiani». A darne notizia, è scritto in una nota, è la rivista internazionale «Journal of Pediatric Ophtalmology and Strabismus» che ha pubblicato i risultati di una ricerca su un possibile rapporto tra esposizione ai videogiochi e schermi in generale e insorgenza di problemi visivi nei bambini di età compresa tra la prima infanzia e l’età scolare.

L’equipe che ha svolto lo studio osservazionale-trasversale su una popolazione di bambini che usano videogiochi, è scritto
nella nota, «non è, una volta tanto, composta da cervelli in fuga dalle Università o dalle strutture sanitarie italiane, ma
da oculisti che operano presso il servizio sanitario di Reggio Calabria, le oculiste Caterina Rechichi e Gilda De Mojà, e la
Clinica oculistica dell’Università di Messina, il prof. Pasquale Aragona». Tutti i pazienti, di età compresa tra 3 e 10 anni,
sono stati reclutati in un’unità ambulatoriale accreditata dal Servizio sanitario. Sono stati studiati 320 bambini.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook