Martedì, 19 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Boccone “indigesto”, salvato in extremis
REGGIO CALABRIA

Boccone “indigesto”, salvato in extremis

di
boccone, ospedale reggio, panino, Reggio, Calabria, Archivio
Boccone “indigesto”, salvato in extremis

È la sanità che vorremmo: efficace e tempestiva, soprattutto capace di fare squadra di fronte all’emergenza. La storia vede protagonista al Grande ospedale Metropolitano di Reggio Calabria un uomo – V. A. – di 70 anni, ricoverato in Medicina d’Urgenza che, proprio quando stava riguadagnando la normalità, si trova improvvisamente al confine tra la vita e la morte. Infatti, proprio sul punto di essere dimesso, il paziente si concedeva – ricompensa legittima dopo un periodo di sacrifici – un gustoso panino, ignaro del destino che lo stava aspettando: quello di andare incontro a soffocamento.

Attimi di grandi concitazione e poi l’inizio di una vera e propria lotta contro il tempo. Soccorso prima dai sanitari del reparto e poi dalla dottor Morabito in forza al Reparto di Terapia intensiva e anestesia, il paziente viene prontamente assistito e trasferito in Rianimazione, già intervenuta nel momento dell’accaduto quando la diagnosi in Medicina d’Urgenza è di una “sindrome asfittica da inalazione di bolo alimentare”.

«Nonostante la intubazione orotracheale e la ventilazione manuale in ossigeno puro non si riusciva ad ottenere un ripristino della ventilazione e ossigenazione – spiegano Baldo Mondello, direttore di chirurgia toracica e Sebastiano Macheda, a capo della terapia intensiva e anestesia –, si procedeva a fibrobroncoscopia che evidenziava a livello nella trachea una ostruzione da un voluminoso corpo estraneo. Da qui la decisione: inserire, proprio per le notevoli dimensioni del corpo estraneo, a valle dello stesso, un catetere usualmente impiegato dai chirurghi vascolari per disostruire i vasi dai trombi e procedere così a rimozione del corpo estraneo, del catetere, del broncoscopio e del tubo orotracheale. Tale manovra, applicata in emergenza – aggiungono ancora Macheda e Mondello – ha permesso di recuperare le funzioni vitali del paziente che, dopo un ricovero in Terapia intensiva di tre giorni, è stato ritrasferito al reparto di provenienza».

Risolta l’emergenza, al paziente resta solo il brutto ricordo di quel voluminoso “boccone” di carne (della lunghezza di circa 12 centimetri e della larghezza di circa 4 centimetri), che poteva davvero costargli caro.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook