Venerdì, 18 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo
NEL REGGINO

Faida dei boschi, due ergastoli e oltre un secolo di reclusione

di
damiano vallelunga, faida dei boschi, omicidio, processo, Reggio, Archivio
Faida dei boschi, due ergastoli e oltre un secolo di reclusione

Locri

Due ergastoli e condanne per 107 anni di reclusione inflitte ad altri 6 imputati, oltre alla conferma di tre assoluzioni. È quanto stabilito della sentenza della Corte d’assise d’appello di Reggio Calabria, all’esito della camera di consiglio del processo “Faida dei Boschi”.

Gli imputati rispondevano a vario titolo dei reati di omicidio, tentato omicidio, associazione per delinquere di stampo mafioso, intestazione fittizia di beni ed altro.

I due ergastoli, dei quali il procuratore generale aveva chiesto la conferma, sono stati inflitti agli imputati Vincenzo Gallace e Cosimo Giuseppe Leuzzi, accusati a vario titolo di essere stati i mandanti dell’omicidio di Damiano Vallelunga, presunto boss di Serra San Bruno, assassinato il 27 settembre 2009 nei pressi del Santuario dei Santi Cosimo e Damiano di Riace, nella Locride.

Il 64enne Leuzzi, difeso dagli avvocati Antonio Speziale e Francesco Gambardella, coadiuvati dall’avvocato Angelica Commisso, è stato invece assolto da tre capi di imputazioni relativi al tentato omicidio di Cosimo Ierinò avvenuto nell’agosto del 2007 a Stignano. A suo carico è stato pure rigettato l’appello del pubblico ministero per il tentativo omicidio di C.E. e per il reato di intestazione fittizia di beni.

Leggi l'intero articolo nell'edizione in edicola

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook