Martedì, 18 Dicembre 2018
stampa
Dimensione testo
OMICIDIO

Uccise pensionato ad Arghillà, giudizio con rito abbreviato

di
arghillà, omicisio, pensionato, antonino barresi, enzo bevilacqua, marco aragona, romano gallo, Reggio, Calabria, Cronaca
L'auto carbonizzata del pensionato ucciso ad Arghillà

Sarà giudicato con il rito abbreviato Enzo Bevilacqua, il 38enne nomade originario di Lamezia Terme ma da anni residente ad Arghillà accusato di essere responsabile dell’omicidio del 69enne pensionato di Villa San Giovanni, Antonino Barresi, ucciso e dato alle fiamme a piazzetta Modenelle ad Arghillà nord «tra le ore 2.00 e 4.00» del 13 gennaio scorso come ricostruito dagli inquirenti e come si evince dalle relazioni di medico legale e Polizia Scientifica.

La richiesta del rito alternativo è stata avanzata ieri, al via dell'udienza preliminare, dal legale di fiducia dell'imputato, l'avvocato Antonino Catalano, ed accolta dal Gup Maria Cecilia Vitolla. Ammesse le parti civili, i figli della vittima che saranno assistiti dall'avvocato Marco Aragona. Il Gup ha inoltre acquisito due consulenze della difesa inerenti i contenuti delle intercettazioni ambientali e una relazione supplementare della Squadra Mobile che ha condotto le indagini coordinate dal Pubblico ministero, Romano Gallo.

Enzo Bevilacqua sarebbe il mandante e l’esecutore dell’assassinio, dai metodi efferati, del pensionato di Villa San Giovanni.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X