Martedì, 18 Dicembre 2018
stampa
Dimensione testo
IL CASO

Gioia Tauro, il vescovo dichiara guerra alla 'ndrangheta

di
'ndrangheta, chiesa, gioia tauro, vescovo, Diego Trotta, Francesco Milito, Michele di Bari, Raffaele Grassi, Reggio, Calabria, Cronaca
Il vescovo Francesco Milito

San Michele Arcangelo è il patrono della Polizia di Stato. E per sua intercessione, la città riuscirà a risollevarsi e arrivare al traguardo della rinascita nel segno della giustizia e della legalità. Che lo onori la ’ndrangheta è un’enorme eresia da estirpare.

È il messaggio che riecheggia ancora più forte proprio da Gioia Tauro, realtà complessa, maggiormente stretta dai tentacoli del malaffare, dove però la speranza non è ancora venuta meno. A testimoniarlo la cornice istituzionale di ieri mattina al Commissariato di Polizia per l’inaugurazione di un’opera raffigurante il combattente di Dio realizzata dal maestro gioiese Cosimo Allera.

Non è stato infatti un caso la presenza del Prefetto, Michele di Bari, e del Questore, Raffaele Grassi, che hanno assistito alla cerimonia insieme al primo dirigente Diego Trotta, al prefetto Antonio Reppucci, presidente della terna che guida il Comune, e alle forze dell’ordine.

Il rito della solenne benedizione dell’altorilievo, che ha trovato collocazione nell’atrio delle scale all’interno del presidio, è stato celebrato direttamente dal vescovo Francesco Milito e fatto rientrare all’interno del programma dell’articolata visita pastorale in corso in questi giorni.

Durissima e netta la sua presa di posizione rispetto a rituali e simboli della ’ndrangheta ma, soprattutto, sul futuro della cittadina pianigiana e sul ruolo che assumerà la Chiesa. «È impossibile – ha rimarcato – che l’Anti Stato possa avere un protettore, sappiamo benissimo che il bene non può mai andare a patti con il male. Il fondamento religioso di questa gente ha raggiunto un punto così assurdo da arrivare ad una simile concezione».

Leggi l’articolo completo su Gazzetta del Sud – edizione Reggio in edicola oggi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X