Giovedì, 21 Marzo 2019
stampa
Dimensione testo
MIGRANTI

Viaggio nella baraccopoli di San Ferdinando, dove il futuro è sospeso

di
baraccopoli san ferdinando, incendio baraccopoli san ferdinando, Reggio, Calabria, Cronaca
Una veduta della tendopoli di San Ferdinando

Il colore è sbiadito, il tessuto sporco. Quando anni fa furono piantate dalla protezione civile, le prime tende con il logo del ministero dell’Interno erano di un blu intenso e nessuno pensava che sarebbero diventate il primo insediamento, una sorta di centro storico, di un villaggio senza nome nel quale avrebbero vissuto in maniera disumana circa 2000 stagionali africani.

A poche decine di metri dal primo insediamento, si è sviluppato l’imponente incendio che la notte del 31 dicembre scorso ha trasformato in cenere 13 baracche. Un rogo che, solo per puro caso, non si è trasformato in tragedia.

Il ricordo di Surawa Jaiteh, morto nell’incendio dell’1 dicembre scorso, è ancora troppo vivido nella mente degli stagionali che popolano questa enclave africana nel cuore dell’area industriale di San Ferdinando.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud in edicola

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X