Mercoledì, 19 Giugno 2019
stampa
Dimensione testo
LA STORIA

Reggio, era all’ergastolo: assolto dopo 26 anni. Condannato come mandante di 5 omicidi

di
ergastolo assolto, Faida di Siderno, ingiusta condanna, ingiusta detenzione, Cosimo Commisso, Reggio, Calabria, Cronaca
Cosimo Commisso ai tempi dell'arresto

A distanza di 26 anni dall’arresto risalente al 1993 nell’ambito dell’operazione “Siderno Group”, Cosimo Commisso, per gli inquirenti appartenente alla famiglia “quagghia”, è stato assolto «per non aver commesso il fatto» e immediatamente scarcerato.

Sono cadute, dunque, le pesantissime accuse di essere il mandante di 5 omicidi e 3 tentati omicidi commessi tra il maggio del 1989 e il luglio del 1991, nell’ambito della “Faida di Siderno”.

La Corte di Appello di Napoli - come riporta la Gazzetta del Sud oggi in edicola -, in funzione di giudice della revisione, ha accolto i motivi dell’istanza presentata dal 68enne Commisso e ha revocato la sentenza emessa dalla Corte di Assise di Appello di Reggio resa irrevocabile il 12 maggio 1999, che all’epoca ha condannato l’imputato all’ergastolo quale mandante degli otto fatti di sangue perché ritenuto «persona collocata in posizione verticistica della gerarchia mafiosa del clan».

La Corte ha ordinato l’immediata liberazione del 68enne che si trovava ai domiciliari dal 21 dicembre.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook