Sabato, 20 Aprile 2019
stampa
Dimensione testo
I VERBALI

Palmi, continua a parlare il pentito Trunfio: "Così proteggevano la latitanza di Crea"

di
'ndrangheta, francesco trunfio pentito, latitanti, francesco trunfio, Reggio, Calabria, Cronaca
Francesco Trunfio

I compari danno sempre una mano ai compari, soprattutto se sono in difficoltà perché braccati dagli “sbirri”. L’appoggio ai latitanti è una regola sacra nella ’ndrangheta e Francesco Trunfio ha spiegato, ieri, davanti al collegio del Tribunale di Palmi, come il gruppo Mazzaferro garantisse la latitanza di Giuseppe Crea, pezzo da novanta dell’omonimo clan di Rizziconi.

Il racconto del giovane collaboratore di giustizia di Gioia Tauro parte da un invito a una “mangiata” nella masseria di Girolamo Mazzaferro, base logistica del gruppo che fa capo alla potente cosca Piromalli di Gioia Tauro. Il principale invitato a quel convivio di ’ndranghetisti è compare Peppe Crea, in quel momento uno dei ricercati più pericolosi inseriti nella lista del Ministero dell’Interno. Trunfio, condannato a 14 anni e 8 mesi in primo grado nel processo alla cosca Piromalli denominato “Provvidenza”, si è pentito a metà dicembre scorso.

Uno di verbali è dedicato alla protezione dei latitanti, acquisito nel processo “Spazio di libertà”, procedimento della Dda reggina contro i presunti fiancheggiatori di Crea e del boss ergastolano di Oppido Mamertina Giuseppe Ferraro. E per questo motivo, ieri Trunfio è stato chiamato a testimoniare.

Leggi la versione integrale dell’articolo su Gazzetta del Sud – edizione Reggio in edicola oggi.

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook