Mercoledì, 05 Ottobre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Faida di Locri, in appello ergastolo a Curciarello per l'omicidio di Salvatore Cordì
LA SENTENZA

Faida di Locri, in appello ergastolo a Curciarello per l'omicidio di Salvatore Cordì

di
ergastolo, omicidio, Domenico Agresta, Michele Curciarello, Salvatore Cordì, Reggio, Calabria, Cronaca
Michele Curciarello

Michele Curciarello è stato condannato all’ergastolo per l’omicidio di Salvatore Cordì. Lo ha deciso la Corte di assise di appello di Reggio Calabria dopo otto ore di camera di consiglio.

L’accusa ritiene dunque Michele Curciarello (classe ‘62) l’esecutore materiale dell’assassinio di Salvatore Cordì detto “u cinesi”, ucciso il pomeriggio del 31 maggio 2005 a Siderno.

Altri elementi portati all’attenzione dei giudici dell’appello in sede di annullamento con rinvio, (presidente Filippo Leonardo a latere il togato Luigi Varrecchione), sono state le dichiarazioni rese da alcuni collaboratori di giustizia, da ultimo quelle di Domenico Agresta, detto “Mc Donald”, sentito in aula nei mesi scorsi.

La procura distrettuale di Reggio Calabria ha ritenuto di inquadrare l’omicidio Cordì nell’ambito della faida di Locri tra le famiglie dei Cataldo e dei Cordì, ripresa nel 2005 con una serie di delitti e attentati che si sono consumati tra Locri, Siderno e Gioiosa Jonica tra il febbraio e il luglio di quell’anno.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook