Giovedì, 23 Maggio 2019
stampa
Dimensione testo
LA SENTENZA

Sinopoli, la Corte d'Appello di Reggio restituisce i beni a Vincenzo Alvaro

di
restituiti beni, sequestro, vincenzo alvaro, Reggio, Calabria, Cronaca
Palazzo Giustizia Reggio Calabria

No alla proposta della Procura antimafia e revoca del provvedimento del Tribunale misure di prevenzione di Reggio (del 2011) con cui erano stati confiscati 102 beni di proprietà, o riconducibili, a Vincenzo Alvaro, 55enne di Sinopoli che a Roma aveva creato un impero economico (compreso il celebre Cafè de Paris di via Veneto nel mirino della Dda in un'indagine collegata) in virtù della sua vicinanza all'omonima cosca di 'ndrangheta, storicamente egemone a Sinopoli ma con forza e interessi in mezza Italia e all'estero.

Dopo le censure della Cassazione adesso anche la Corte d'Appello di Reggio ha dato ragione a Vincenzo Alvaro ordinandone la restituzione dei beni (quote sociali e patrimoni di svariate imprese societarie ed individuali, rapporti bancari, polizze assicurative, beni mobili ed immobili) sigillati dallo Stato 8 anni fa. Il provvedimento patrimoniale azzerato dai Giudici d'Appello di Reggio riguardava anche familiari e ipotetici prestanome, tutti reggini.

Per saperne di più leggi la versione integrale dell’articolo su Gazzetta del Sud – Reggio in edicola oggi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook