Domenica, 22 Settembre 2019
stampa
Dimensione testo
FISSATA L'UDIENZA

Truffe all'Inps e falsi braccianti, la Procura di Locri vuole 32 indagati a giudizio

di
falsi braccianti, indagati a giudizio, procura di locri, truffa, truffe all'inps, Reggio, Calabria, Cronaca
Procura di Locri

Sono trentadue gli indagati per i quali la Procura di Locri ha chiesto il rinvio a giudizio con l'accusa di truffa tentata o realizzata ai danni all'Inps.

Per 30 degli indagati la Procura di Locri contesta una truffa per un importo complessivo di 241 mila euro. In questo caso, secondo l'accusa il titolare di un'azienda agricola di Platì, in concorso con altri 29 indagati, avrebbe presentato presso l'Inps documentazione costituita da denunce aziendali contenenti dati non veritieri sull'assunzione di manodopera agricola. Attraverso questa documentazione si sarebbe indotto in errore l'ente pubblico che «subiva un danno patrimoniale di rilevante gravità». Per altri due indagati l'accusa è quella di tentata truffa in concorso con il datore di lavoro.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud - edizione di Reggio Calabria in edicola. 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook