Lunedì, 18 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
LA DENUNCIA

Cassano, l'appello del vescovo: «Liberiamo le nuove "schiave" della prostituzione»

di

Il vescovo di Cassano, monsignor Francesco Savino, si appella alle Istituzioni chiedendo vigilanza delle strade per combattere la prostituzione sulla Statale 106 jonica. «Ci si attivi - ha scritto in una lettera - contro il fenomeno della prostituzione, assai diffuso nel comprensorio dell'alto Jonio cosentino».

Il vescovo s'è rivolto alle Istituzioni, per richiamare l'attenzione sul fenomeno della prostituzione che dilaga nella Piana di Sibari, in particolare sulla statale 106 dove sostano donne e ragazze che offrono prestazioni sessuali. Sono soprattutto straniere doppiamente vittime di sfruttamento: oggetti di “tratta” da parte di organizzazioni illegali, vengono oltraggiate nella loro dignità umana. «Non posso tacere - dice ancora - come pastore. Ogni silenzio sarebbe complicità colpevole».

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud - edizione di Reggio Calabria in edicola. 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook